Home

 

TRATTORIA “TRE SPADE”  dal 1983 la tradizione reggiana

Nuovi orari di chiusura a partire da Novembre:

MARTEDI’ CHIUSO TUTTO IL GIORNO

DOMENICA CHIUSO LA SERA

_____________________________________________________________________________

Venerdì   e   Sabato

solo la sera

GNOCCO  FRITTO

 

imgres

 

_________________________________________________________________________________________

 

 

Ci trovate sotto i portici del centro di Correggio, ci riconoscerete grazie alla bellissima vetrina liberty dei primi ‘900. Disponiamo di circa 40 posti,con la possibilità, d’estate, di sedersi sotto le arcate dei portici .

Per la nostra cucina semplice e casalinga, fatta di gusti intensi e decisi, ci siamo fatti ispirare dall’esperienza e dall’insegnamento delle “Mamme” e delle “Rézdȏre” reggiane.

img_3756

I piatti del giorno sono elencati su una lavagna posta in fondo alla sala ma ben visibile già dall’entrata. Nell’attesa vi serviremo un piccolo antipastino con erbazzone, schiacciatine e ciccioli frolli. La scelta dei primi si basa su piatti rigorosamente fatti a mano come tortelli verdi e di zucca, cappelletti in brodo di cappone,lasagne, tagliatelle e risotti conditi con prodotti di stagione (asparagi radicchio trevigiano o funghi). Tra i secondi invece il tradizionale zampone e cotechino, il coniglio e filetto all’aceto balsamico. L’offerta è completata da roastbeef e costate di vitella delle Langhe, Gallina bianca di Saluzzo e stracotto di bufalo, nella scelta dei quali abbiamo privilegiato piccole realtà di allevamenti sulla base di criteri di qualità e compatibilità ambientale. Gli stessi criteri ci hanno guidato nella scelta di una piccola selezione di formaggi, tra cui spicca il Parmigiano-Reggiano delle Vacche Rosse. “Dulcis in fundo”, i dolci, rigorosamente di nostra produzione, rivisitano e ampliano la tradizione reggiana.

img_3754

Per la carta dei vini, abbiamo concesso ampio spazio alla nostra regione ed al lambrusco in particolare, come naturale abbinamento alla nostra cucina, cercando di privilegiare le piccole realtà produttive locali che lavorino nella direzione di un approccio più “naturale”, e se vogliamo, meno “ortodosso”, nel modo di fare vino.